lunedì 28 novembre 2011

Milano Challenge 2011 - Quarti di finale



In questo incontro affronto un atleta statunitense della Gracie Jiu-Jitsu Academy. Per lui è il primo match, io sono ancora in fase di recupero. Chiamo subito guardia chiusa e cerco di stancarlo in attesa del momento giusto per piazzare qualche buon colpo. Lo sento ben piazzato e chiuso, mette pressione e riesce a portarmi in turtle ma sono bravo a difenderla e, a un minuto alla fine, quando ero sotto di due vantaggi, riesco a richiamare guardia aperta e piazzare un ribaltamento che mi porta in vantaggio.


Ho affrontato l'incontro più concentrato e determinato anche quando ero sotto di due vantaggi. Questo atteggiamento ha pagato permettendomi di passare alle semifinali.

In semifinale affronto Marco Manara, un ragazzo che tira anche di MMA. Anche con lui cerco la guardia chiusa, per riprovare la tattica precedente, ma il mio avversario mi anticipa e non riesco a chiuderla. Passo a fare guardia a ragno con cui lo controllo bene ma non trovo un apertura per qualche tecnica. l'occasione per me si presenta quando, perdendo il lasso hook, vado in single leg ma non riesco a fare levantada e sono riportato schiena a terra. Prendo la deep, ma invece di recuperare le forze, in una posizione che sento sicura, convinto di essere sotto di un vantaggio, tento un ribaltamento senza convinzione e mi ritrovo Manara sulla schiena che trova la strada per il mata leao a cui sono costretto ad arrendermi.

Bilancio positivo. C'è da lavorare. Ora l'obiettivo è L'Europeo dove affronterò dei coetanei nella mia categoria Senior 2, e questa volta avrò 2 mesi per allenarmi con i ragazzi del RGC.

0 commenti:

Posta un commento