venerdì 16 febbraio 2018

Josh Hinger - Il Brazilian Jiu-Jitsu sportivo è funzionale alla difesa personale



Sul sito Flograppling è apparso un articolo di Josh Hinger dal titolo: "Perché le opinioni di Rickson Gracie sullo sport Jiu-Jitsu e l'autodifesa sono superate".

Nel 2007 Hinger ebbe uno scontro in un bar in Thailandia con due irlandesi. Hinger li getto aterra entrambi con un double leg. All'epoca era cintura blu e non si allenava da un anno e mezzo. Poi Hinger prosegue:

"Il punto qui è che un praticante di jiu-jitsu sportivo che era gravemente fuori forma, fuori allenamento e lievemente ubriaco facilmente riusciva a neutralizzava due assalitori che simultaneamente lo attaccavano.

Recentemente, ho letto una citazione di Rickson Gracie in "Blackbelt Mag" (numero di febbraio / marzo 2018) nella quale affermava che, "Il jiu-jitsu per la competizione non si traduce in jiu-jitsu come arte marziale a causa di tutte le regole. E non è collegato alla vita come dovrebb essere. "

Inoltre, ha dichiarato, "Circa il 50 percento delle tecniche utilizzate nei tornei sviluppa riflessi e posizioni terribili da usare in un vero combattimento." È noto che Rickson ha fatto altre affermazioni negative sui praticanti dello sport jiu-jitsu.

Ho un problema con queste affermazioni e la continue svalutazione, da parte di Rickson, degli atleti jiu-jitsu che hanno scelto di esercitare le loro abilità in un torneo.

Prima di tutto, il ramo dell'attività sportiva non nega l'essenza di un'arte marziale. In effetti, Merriam-Webster definisce un'arte marziale come "una qualsiasi delle varie arti di combattimento e autodifesa (come il karate e il judo) che sono ampiamente praticate come sport". Se ciò non bastasse, Google definisce un'arte marziale come " vari sport o abilità, principalmente di origine giapponese, che hanno avuto origine come forme di autodifesa o attacco, come judo, karate e kendo. "La parola "sport" è in entrambe le definizioni.

Non c'è molto dibattito sul fatto che le arti marziali siano degli sport. E certamente, avere regole non nega l'utilità dell'arte marziale. Come uno sport, le arti marziali richiedono regole. Senza regole, pochissime persone avrebbero cura di praticarle, specialmente non i bambini. Se non ci fossero regole, mi limiterei a mordere ogni singola persona che  cerca di toccarmi.

Le regole hanno lo scopo di mantenere le persone al sicuro durante l'allenamento. Le regole permettono ai praticanti di jiu-jitsu di praticare l'arte ad un'intensità vicina alla massima velocità e allo sforzo. Credo che questo sia molto più utile in allenamento che praticare tecniche molto pericolose a un livello impreciso di velocità e sforzo.

Ad esempio, praticare colpi all'inguine e dita gli occhi alla massima velocità e sforzo per l'autodifesa non è molto pratico. Non puoi lentamente e con attenzione accecare qualcuno. Chiediti cosa è più utile nell'allenamento, praticare tecniche più sicure e meno letali con il massimo sforzo o tecniche molto pericolose (come le dita negli occhi) a una velocità molto irrealistica alla quale un individuo deve fondamentalmente fingere di farlo?
Una delle cose che ho sempre amato del jiu-jitsu è che puoi usarlo per competere l'uno con l'altro al 100% di sforzi e nessuno deve farsi male (anche se a volte le persone lo fanno).

Lo sport jiu-jitsu è molto pratico per l'autodifesa. Lo sport jiu-jitsu come attività promuove una lista di attributi che possono aiutare un individuo a diventare un avversario formidabile contro qualsiasi atleta da combattimento non professionalmente addestrato.

Il jiu-jitsu competitivo promuove alti livelli di condizionamento cardiovascolare, equilibrio e consapevolezza posizionale. Ancora più importante, le competizioni insegnano agli atleti come gestire situazioni di stress elevato e di ansia elevata in cui un avversario li sta attaccando con un alto livello di intensità.

I tornei di Jiu-jitsu e la preparazione che porta ai tornei in realtà addestrano i concorrenti ad avere riflessi eccellenti che possono essere usati in un vero combattimento. Gli atleti dello sport jiu-jitsu possono muoversi con tale velocità, precisione e agilità che credo davvero che possano eseguire una vasta gamma di tecniche jiu-jitsu contro un aggressore inesperto. A mio parere, le supposizioni di Rickson falliscono perché presumono che uno sportivo jiu-jitsu scelga ingenuamente di usare la tecnica di nicchia per una circostanza inappropriata.

Ma gli atleti dello sport jiu-jitsu sono esperti nell'analizzare al volo situazioni e circostanze  e nella scelta di risposte appropriate in rapporto alla posizione del loro corpo, prese disponibili e distribuzione del peso.

Solo perché un atleta di BJJ sceglie di chiamare la guardia nella competizione di jiu-jitsu non significa che sia abbastanza stupido da chiamare la guardia in un combattimento di strada. Persino i migliori giocatori della guardia competitiva sanno come eseguire double leg takedown altamente efficaci, come passare le guardie, cpme montare, come prendere la schiena e finalizzare. Le competizioni di jiu-jitsu richiedono agli agonsiti di essere in grado di improvvisare un piano di gioco in una frazione di secondo.
 
Si tratta di essere in grado di leggere i movimenti di un avversario, capire cosa sta cercando di fare, e  contrastarlo prima che possa imporre la sua volontà sull'altra persona. Gli atleti del jiu-jitsu sportivo sono più bravi di chiunque altro. Hanno sensi affilatissimi, abilità motorie finemente sintonizzate e un condizionamento cardiovascolare impeccabile - e, soprattutto, hanno una mente addestrata a vincere. Sono addestrati a dissezionare e risolvere problemi posizionali in pochi secondi. A mio parere, gli agonisiti del jiu-jitsu preverranno sempre sui non-agonsiti, e ancora di più contro gli aggressori non addestrati.

Infine, vorrei precisare che i sottogruppi jiu-jitsu dovrebbero smettere di odiare altri sottogruppi jiu-jitsu. L'esistenza del jiu-jitsu di autodifesa non è un problema per nessun agonista jiu-jitsu. Non si sentono spesso agonsiti di jiu-jitsu di alto livello che sminuiscono il jiu-jitsu di autodifesa. 
Penso che sia bello se qualcuno vuole addestrare l'autodifesa nella loro classe di jiu-jitsu. Penso anche che sia fantastico quando le persone vogliono partecipare alle competizioni jiu-jitsu. Ma quando qualcuno con una posizione così rispettata nella comunità jiu-jitsu fa tanti commenti scortesi e maleducati su persone che semplicemente amano il jiu-jitsu, non posso fare a meno di chiedermi perché?

Perché qualcuno così stimato e rispettato dalla comunità del jiu-jitsu sente il bisogno di elevarsi abbasando gli altri? Alla fine della giornata, tutti i praticanti di jiu-jitsu dovrebbero sostenere la crescita del jiu-jitsu in tutte le sue forme e stili."

1 commento:

  1. indipendentemente dalla mia opinione in merito:cero che i Gracie sanno sempre come far parlare di se......

    RispondiElimina