domenica 10 novembre 2013

Tutti maestri di Mix martial Arts


Le MMA nascono in Brasile e in origine questa modalità di combattimento si chiamava  Luta-Livre Americana e poi Vale Tudo. Non si trattava né di uno stile di combattimento, né di un'arte marziale, né di uno sport da combattimento. Era un regolamento poco restrittivo per permettere a diversi fighters a mani nude, povenienti dalle più diverse discipline di combattimento, di confrontarsi gli uni contro gli altri. Negli stati Uniti questo regolamento fu esportato dalla famiglia Gracie nota per aver fatto conoscere il jiu Jitsu brasiliano in tutto il mondo.

Per dirsi MMA Trainers e MMA fighters occorre avere competenze in 2 aree di combattimento: il combattimento in piedi e quello al suolo, ovvero l'unione della lotta con l'arte di colpire, sia in piedi che a terra. Per Nate Marquardt tuttora il metodo migliore per diventare un combattente di MMA di successo è padroneggiare uno stile e completarlo con tecniche derivanti da altre arti per sopperire le lacune del proprio bagaglio tecnico.

Fino ad oggi è stato così forse in futuro nasceranno atleti costruiti in palestra per essere fighters di MMA in grado di utilizzare le tecniche e le strategie migliori desunte dai principali sport da combattimento. Per chi pratica MMA amatoriale due volte la settimana ho una brutta notizia da dare. Per fare bene in una sola delle discipline che compongono le MMA occorre allenarsi quotidianamente e lo stesso dovrebbe essere richiesto a chi aspira combattere in una modalità, le MMA, tra le più difficili tra quelle da combattimento.  Poi ci sono i "maestri" autoproclamatisi di Mix martial Arts che sorgono come funghi, che cavalcano la moda, dei veri e propri tuttofare. Loro non si sono mai messi in gioco non hanno mai praticato Brazilian Jiu-Jitsu e preferiscono i cazzotti farli prendere agli allievi. Anche loro però hanno un ruolo. Quello di raccogliere tutti gli "Wannabe UFC fighter" che ci sono in giro e levarli dalla circolazione per il bene di tutti. Grazie di esistere!


0 commenti:

Posta un commento