martedì 28 febbraio 2017

Per imparare le migliori tecniche ci vogliono alcuni minuti, ma una vita per perfezionarle

Il procuratore distrettuale Chuck Rhoades  interpretato da Paul Giamatti alle prese col Jiu Jitsu

John Danaher compare come attore in una scena della seconda stagione della serie TV "Billios" e sulla sua pagina FB spiega perché ha scelto il Juji jime - lo strangolamento incrociato ai baveri dalla monta - per rappresentare il Jiu Jitsu.

" Recentemente mi è stato chiesto di apparire in una scena della serie "Billions." Nella scena avrei dovuto dimostrare a un principiante nel jiu jitsu una prima lezione introduttiva. Gli autori mi hanno chiesto se ci fosse una mossa che rappresentasse bene il carattere generale di questo sport ad un vasto pubblico, la maggior parte del quali non sanno nulla su di esso. La mia risposta è stato un fiducioso "sì" - Juji jime - lo strangolamento incrociato ai baveri eseguito dalla posizione di monta.


Il mio ragionamento è stato questo - l'approccio classico del Jiu Jitsu consiste nel portare un avversario a terra dove è più facilmente controllabile, poi lavorare per oltrepassare le gambe, attraverso una gerarchia di immobilizzazioni che culminano nella mount o nella back mount. Da lì, l'applicazione di una presa di sottomissione pone fine alla lotta. Ho scelto il Juji jime perché  nel Jiu Jitsu si dovrebbe iniziare col gi, sia per motivi pratici sia culturali/storici, e, naturalmente, il Juji jime richiede un giacca. Inoltre, gli strangolamenti, rappresentano il concetto di una vittoria senza spargimento di sangue e relativamente indolore - una delle caratteristiche chiave del jiu jitsu. Anche uno spettatore ingenuo sarebbe in grado di riconoscere il valore della posizione di monta, l'efficacia di uno strangolamento e la virtù della vittoria senza necessità di colpire un nemico e sconfiggerlo in maniera cruenta. 

Su un livello più profondo - a coloro che studiano l'arte, ho scelto il Juji jime perché rappresenta qualcosa di molto diverso - la nozione di PROGRESSIVE BASICS. Il Juji jime è stato insegnato a tutti noi nelle nostre prime classi per principianti - ma dovremmo tutti usarlo fino ai nostri ultimi giorni in questo sport - raffinandolo, perfezionandolo, imparando tutte le sue sottigliezze e sfumature. 

Per imparare le  migliori tecniche nel nostro sport ci vogliono alcuni minuti, ma una vita per perfezionarle. Questa nozione di percorso dal principiante all'esperto è perfettamente rappresentata dal Juji jime dalla mount - il Tokui waza (tecnica preferita) del grande Roger Gracie. Nelle sue mani è stato tutt'altro che una tecnica da principianti - è stata una macchina inarrestabile di distruzione che ha usato più volte a livello di campionato del mondo e ha insegnato al mondo del jiu jitsu, in questo sport,  il valore di costruire  nel tempo sulle fondamenta dei principianti, diventando così la tecnica più avanzata di tutte."  


0 commenti:

Posta un commento