sabato 9 giugno 2018

Il BJJ è la mia terapia ... cazzate!


Christophe "Pank" è una cintura nera di Brazilian Jiu-Jitsu che sul suo blog  lutabjj.wordpress.com ha scritto un articolo  sul ruolo del BJJ visto come "terapia" che condivido in pieno. Lascio quindi la parola a lui:

"L'8 giugno, Anthony Bourdain viene trovato impiccato in un hotel in Francia. Ho subito vacillato quando ho letto che si trattava di un suicidio. Lui che era entrato nel lato positivo del BJJ LifeStyle.

Per anni ho letto citazioni di professionisti e maestri della nostra disciplina che vendono l'idea che il JiuJitsu sia una terapia. Perdita di peso, benessere, fiducia in se stessi, ecc. Come praticante-psicologo, ho sempre pensato che questi aspetti non fossero collegati al Jiu jitsu. Qualsiasi attività fisica, ben strutturata e con uno spirito positivo può aiutare a condurre una vita migliore.

Dire che il tatami è una terapia è una grande cazzata. Quello che può sostituire la terapia, d'altra parte, è un posto con insegnanti / allenatori che prestano attenzione agli individui, che rispettano i punti di forza e di debolezza di ciascuno e che si sforzano di farli avanzare pienamente nei loro obiettivi. Possiamo giocare con l'analogia dello sport e quindi con il Jiu jitsu come rappresentazione della vita e delle sue difficoltà, solo che non è l'attività che salva, ma l'ambiente e il modo in cui viene insegnato, grazie alla passione di condivisione e insegnamento che anima tanti maestri.

Inoltre, i legami sociali, le relazioni con gli altri, la vicinanza e la condivisione sono più che vettori positivi per molte persone rese nevrotiche da un sistema sociale e/o familiare dissonante.

Tuttavia, questo rappresenta delle compensazioni e assolutamente non risoluzioni dei modelli dissonanti. In breve, invece di andare a fare qualcosa di negativo, ci stiamo muovendo verso qualcosa che può generare benessere. Tuttavia, non è guardando la luce che l'ombra scompare.

Rifocalizziamo i nostri sport o le nostre discipline marziali per quello che sono, motori di crescita personale, strumenti di evoluzione, ma certamente non una terapia che risolve problemi e schemi dissonanti ricorrenti. E sfortunatamente, Bourdain ne è una prova.

Prenditi cura di te stesso e prenditi il massimo di soddisfazioni nella tua accademia."

0 commenti:

Posta un commento