sabato 13 agosto 2016

Vade retro Olimpiadi










"In queste Olimpiadi nel judo si sono viste un po' di finalizzazioni visto che tanti atleti praticano anche bjj, probabilmente i boss mondiali del judo cambieranno di nuovo il regolamento per impedire che questa contaminazione faccia perdere gli atleti puri.... speriamo che il bjj non arrivi mai alle olimpiadi".

Questo è un commento  che ho letto oggi sulla home di Facebook. L'argomento mi interessa e colgo questa ocasione per dire la mia sull'argomento.

Ipotesi per ipotesi e se il Judo riscoprisse il "ne waza" non per perdere atleti ma per acquistarne, quali conseguenze ci sarebbero per il Jiu Jitsu Brasiliano?

Il Judo è più conosciuto e praticato del Jiu Jitsu Brasiliano e sta alle olimpiadi. Che differenze ci sono tra il Judo e il BJJ per un pubblico profano? Diciamo che la differenza si riduce ad un problema di percentuali. Il Judo è 70% in piedi e 30% a terra il
Jiu Jitsu Brasiliano è l'esatto opposto. Se il Judo arrivasse a un 50 e 50  poi si farebbe fatica a spiegare alla gente cosa ci distingue dal Judo.

I praticanti di Judo hanno un grande obiettivo al quale puntano e sono le olimpiadi, hanno sin da bambini gare regionali dai costi ragionevoli, una federazione riconosciuta dal CONI e i migliori possono allenarsi full time pagati dai corpi militari.  

Il Jiu Jitsu Brasiliano cos'ha?: poche gare e costose, solo una rivolta esclusivamente ai più giovani, e una miriade di federazione, nessuna delle quali può essere considerata una vera federazione ad eccezione della UWW che però ha un altro regolamento  ed è gestita dalla federazione della lotta.

Se io fossi il presidente della federazione del Judo aprirei al "ne waza" e non è detto che non lo stiano già facendo. Kosei Inoue, Il coach della nazionale giapponese, ha ammesso di aver fatto fare del cross training col BJJ ai suoi atleti e i risultati si sono visti. Il Giappone ha portato a casa 12 medaglie da Rio, il più alto numero mai raggiunto in una singola olimpiade dalla nazionale del sol levante. Se la nazionale USA ha puntato sul ne waza è perché sapeva che questa tattica non sarebbe stata penalizzata in sede di gara. Per non parlare del primo oro del Brasile alle olimpiadi regalato dalla Judoka Silvia Rafaela che ha vinto la finale  con un Tobi-Juji-Gatame.

Vade retro olimpiadi, se così vi piace, ma occhio a non rimanere col cerino in mano!





0 commenti:

Posta un commento