domenica 1 novembre 2015

Mai dire difesa personale


Se durante una lezione di Jiu Jitsu l'istruttore insegna tecniche sportive, siano esse in piedi o a terra, gli allievi non faranno obiezioni se non raramente. Se invece l'istruttore, prima della lezione, ha la malaugurata idea di annunciare ai suoi allievi che mostrerà tecniche di difesa personale, molti di questi, da quelli con pregresse esperienze in altre discipline marziali a quelli che hanno solo visto film di Van Damme, avranno qualcosa da dire.

Ad ogni tecnica mostrata l'istruttore verrà sommerso di domande, suggerimenti, correzioni. Uno vi dirà che la tecnica potrebbe essere fatta in un altro modo, un altro vi dirà che se si gira da una parte la tecnica non funziona, un altro vi suggerirà che la cosa migliore in quel caso è mordere o fare il solletico, un altro suggerirà di colpire a tradimento. Infine ci sarà lo sportivo integralista, che odia le tecniche di difesa personale, che metterà tutti a tacere dicendo che lui di casa esce sempre indossando un gilet imbottito di tritolo, e che se qualcuno lo aggredisce la sua filosofia è: "muoia Sansone e tutti i filistei".

Se non volete avere problemi di questo tipo, se non volete vedere i vostri allievi usare tecniche di arti marziali di cui ignoravate l'esistenza, non dite mai le parole "difesa personale". Se volete mostrare un disarmo da coltello dite ai vostri allievi che in una competizione qualcuno potrebbe brandirlo con cattive intenzioni per aver perso per decisione arbitrale.

0 commenti:

Posta un commento