sabato 18 gennaio 2014

Come il Brazilian Jiu-Jitsu ha salvato la mia vita


John George è un'ufficiale di polizia e ha recentemente scritto un articolo molto interessante dal titolo: "come il Brazilian Jiu-jitsu ha salvato la mia vita". L'articolo è stato pubblicato su un sito americano di BJJ e ve lo propongo in una versione tradotta e sintetizzata.

"Ci sono due ragioni per cui ho deciso di fare del Jiu Jitsu una parte della mia vita. La prima ragione è venuto dopo aver realizzato, una notte durante il lavoro, che sono un agente di polizia, e oltre a me stesso, devo preoccuparmi dell'incolumità dei miei colleghi e dei cittadini e non sapendo come difendermi metto tutte quelle persone a rischio. Sono stato attaccato in numerose occasioni durante il lavoro, e per fortuna non sono mai stato ferito. Una notte in particolare, capii una cosa abbastanza chiaramente: che ero fuori forma, e che non sapevo come proteggermi "correttamente" da qualcuno che sa come combattere. E 'stato in quel momento mi sono detto che avrei accettato l'offerta del mio amico e che mi sarei iscritto al suo corso di Jiu Jitsu Brasiliano.

La seconda ragione che mi ha spinto ad iniziare il Brazilian Jiu Jitsu, è stata la salute. Avevo bisogno di perdere peso, mi stancavo subito troppo facilmente  e la mia pancia incominciava ad avere troppi rivoli, non andava proprio bene!

Durante il mio primo allenamento, ho cominciato a vedere le altre ragioni che oggi rendono il Jiu Jitsu sacro nella mia mente. Ho visto la pazienza, ho visto l'umiltà, e ho visto la perseveranza.

La mia prima classe era finita, e sapevo che il Jiu Jitsu ed io eravamo entrati in una relazione seria. Due anni dopo, avevo perso 15 chili! Lo stress che viene alleviato dopo ogni sessione di sparring è senza precedenti. Io sono più forte e più flessibile di quanto non fossi quando ho iniziato, e la mia salute mentale è migliorata. Ho iniziato il mio viaggio con due obiettivi prefissati in mente:essere più sicuro di me stesso e raggiungere una migliore forma fisica. Tali obiettivi li ho ottenuti, ma non sono ancora soddisfatto.

Più percorro la strada sulla quale il Jiu Jitsu mi ha indirizzato e più le altre cose iniziano a diventare evidenti. Il Jiu Jitsu non vi mente mai, e vi ricorderà sempre quando iniziate a perdere la vostra umiltà! Ci sono molte cose che ho guadagnato da questa arte. Il Brazilian Jiu Jitsu mi ha concesso l'opportunità di vedere me stesso e gli altri crescere. Tutto questo si aggiunge a ciò che rende il BJJ, eccitante e gratificante ogni giorno dell'anno!

Il Jiu Jitsu mi ha insegnato l'atteggiamento, la dedizione, il rispetto, la famiglia, la lealtà e l'onore. Queste sei parole mi hanno aiutato ad essere più sano e sicuro nella mia vita".

Voglio chiudere questo post con un video che ritrae due agenti di polizia stradale a Milano che hanno avuto seri problemi a controllare e calmare un cittadino piuttosto agitato. Neanche l'uso dello sfollagente, peraltro non giustificato, visto che si trattava di un cittadino disarmato, è servito ad avere ragione delle sue intemperanze e mostra come oggi le  FFOO in Italia siano ancora lontane anni luce dall'idea di agente addestrato nel corpo a corpo.

Quando anche in Italia gli agenti di polizia si accorgeranno dei benefici della pratica del Jiu-Jitsu Brasiliano? Per ora sono pochi, ma quei pochi, se potessero raccontare la loro esperienza, direbbero le stesse cose scritte dal loro collega d'oltre oceano. 


 


0 commenti:

Posta un commento