giovedì 21 gennaio 2016

Analisi del single leg di Demian Maia - Analyzing the single leg of Demian Maia

 
Demian Maia ha dato a Gunnar Nelson una grande lezione di jiu jitsu ma a molti non sarà sfuggito che per ben due volte il suo single leg sia fallito.

Dopo aver visto e rivisto questa tecnica, nel tentativo di capire perché non ha funzionato, mi sono imbattuto in un tutorial di Durinho nel quale viene mostrata una variazione di single leg.  La variante di single leg/tani otoshi usata da Maia probabilmente non è stata efficace perché la gamba spazzante rimanendo sotto il corpo dell'avversario, non ha permesso a Maia di avere lo slancio necessario per andare in cima. Inoltre Nelson potendo usare la mano destra per fare base ha potuto ruotare i fianchi e finire sopra o tornare in piedi.

 

Nella variazione mostrata da Burns invece la gamba non va direttamente verso la caviglia ma tra le gambe in un movimento circolare. In questo modo il suo avversario (in questo caso il compagno di allenamento Calasans) cadendo sul fianco non può usare la mano per fare base. Provatele entrambe e fatemi sapere.


Demian Maia gave to Gunnar Nelson a great lesson in jiu jitsu but many of you will have noticed that Maia twice failed his single leg takedown.

Having seen and reviewed this technique in an attempt to figure out why it did not work, I came across Durinho tutorial  which shows a variation of single leg. The variant of single leg/tani otoshi used by Maia probably was not effective because the sweeping leg, remaining under the opponent's body, did not allow Maia to have the momentum needed to go on top. Nelson also being able to use his right hand to reestablish a base could rotate the hips and ending on top or back to his feet.

In the variation shown by Burns the leg do not go directly towards the ankle but between the legs in a circular motion.  In this way, his opponent (in this case, his training partner Calasans) falling on the side and can not use his hand to establish a base. Try both of them and let me know.

0 commenti:

Posta un commento