domenica 13 agosto 2017

Alla fine la vittoria è tutto ciò che conta

Qualche anno fa Dan Lukehart scriveva queste sue considerazioni dopo aver partecipato con i suoi giovani allievi ad un torneo internazionale di Brazilian Jiu-Jitsu per bambini.

"Ho visto in questo fine settimana maestri attaccare il loro orgoglio ed ego ai successi dei loro bambini. Ho notato in particolare un bambino che avevo visto in quasi tutti i tornei negli ultimi anni tribolare con l'aspetto mentale della competizione. Nonostante il suo alto livello tecnico, quando veniva chiamato alla materassina scoppiava in lacrime a causa della pressione.

Ho notato che a questo torneo era con un team diverso, con un accademia che vince - molto. Sembrava diverso. Molto diverso. Si è comportato in modo diverso. Aveva un taglio di capelli diverso da abbinare al suo nuovo atteggiamento. Era fiducioso e con l'aura e la disposizione del campione. Si è avvicinato alla materassina come se tutti gli altri fossero inferiori a lui. L'ho guardato uscire senza un accenno di ciò che lo affliggeva negli anni precedenti e conquistare una medaglia d'oro con lo stesso Jiu-Jitsu che avevo conosciuto. Ho anche notato un terribile senso di sportività nei suoi incontri - lo stesso che avevo visto tutto il giorno da parte di altri bimbi della sua squadra.

Tristemente ho realizzato ciò che il suo allenatore, che è un grande campione, aveva fatto con questo ragazzo. Capendo l'importanza del gioco mentale per vincere in gara aveva dato a questo bambino esattamente quello di cui aveva bisogno per vincere. Gli ha dato fiducia e un  grande obiettivo ancorato al cameratismo degli innumerevoli compagni della sua squadra. Gli strumenti che gli aveva dato per avere successo sulla materassina erano a scapito della sportività e della classe. Per i genitori, sono sicuro che il suo sia stato considerato come un comportamento normale.

Questo loro comportamento si estendeva fuori dalla materassina. Ho visto bambini di 8 e 9 anni trattare il personale della sicurezza e dello staff con la stesso atteggiamento di chi crede che tutto gli sia dovuto e con disprezzo, lo stesso che avevano tenuto con i loro avversari.

I bambini ai tornei si comportano così perché è esattamente quello che fanno i loro allenatori. È lo stesso modo in cui loro mentalmente si avvicinano ai loro campionati. Gli allenatori Insegnano come vincere con poca implicazione di ciò che significa per un bambino. Il loro messaggio è che la gente non ricorda come hai vinto il campionato e alla fine la vittoria è tutto ciò che conta.

Penso che sia sbagliato. E 'importante come si conduce il gioco, sia nella vittoria come nella sconfitta. Non solo questo, bisognerebbe anche considerare le conseguenza del successo". 

Carlinhos una volta ha dichiarato: "Non ho mai fatto pressione su kayron [figlio] perché si allenasse duramente, ho sempre trattato l'allenamento come fosse un gioco, non appena ha raggiunto i 16 anni ho iniziato ad aiutarlo a allenarsi duramente".

0 commenti:

Posta un commento