lunedì 1 febbraio 2016

Dino Fuoco: vorrei che ci fossero meno teste di cazzo e più atleti e uomini come Felipe


Il maestro Dino Fuoco ha preso molto seriamente il mio ultimo post su Pena tanto da telefonarmi, scrivere un commento sul blog e infine taggarmi in un commento sulla sua pagina FB che contiene un attacco personale. Non rispondo agli attacchi ad ominem rispondo solo alle critiche rivolte a ciò che scrivo.


Difatti ho corretto il post, la dove avevo dato una notizia falsa, mi sono scusato con i lettori e l'ho ringraziato per avermi dato l'opportunità di farlo. 

Per il resto ribadisco quanto scritto e ritengo che finche i test saranno usati solo in poche competizioni, e le sanzioni saranno così lievi gli atleti continueranno a rischiare e lo sport sarà falsato dalla chimica.
 
La pratica diffusa dell'uso di anabolizzanti è deleteria per il Jiu Jitsu. Per aver sollevato lo stesso problema Caio Terra è stato attaccato molto duramente da altri praticanti che lo hanno acusato di gettare fango sul Jiu Jitsu. Chi getta fango: chi si dopa o chi denuncia il fatto?

Rigetto l'accusa di aver scritto il post per screditare Pena in coincidenza del suo Tour. Non sapevo neanche fosse in Italia, da anni seguo solo siti e blog esteri e su facebook controllo solo la pagina del blog.  Per il mio post ho preso spunto dall'articolo del 30 gennaio apparso  su BJJ Eastern Europe dal titolo: "What is the Banned Testosterone Cream Used by BJJ World Champion Felipe Pena".

0 commenti:

Posta un commento