sabato 7 dicembre 2013

AOJ ovvero l'arte del jiu-jitsu

tre parole AOJ ovvero l'arte del jiu-jitsu. Quella che i due geniali fratelli Mendes mettono in atto ogni volta che salgono su un tatami di gara è una performance artistica ma a diffrenza di quello che comunemente si crede in tanto genio c'è poca sregolatezza. Per arrivare a quei livelli oltre a un talento innato, tanta ma tanta dedizione e rinunce. Solo così si raggiunge l'eccellenza in ogni campo dell'attività umana.

 Le loro evoluzioni disegnano, nello spazio virtualmente delimitato dall'area di gara, una sorta di danza con i loro avversari. Quelle che realizzano sembrano coreografie studiate e ripetute con l'accordo di un partner e non una lotta con un avversario che ce la mette tutta per vincere.

Di fronte a tanta perizia e maestria si resta senza fiato e affascinati e, pur sapendo che quel livello non ci sarà mai accessibile, sappiamo oggi come si esprime il meglio di quest'arte.

0 commenti:

Posta un commento