giovedì 30 novembre 2017

Non è quanto è buono il tuo jiu-jitsu, ma quanto è buono il jiu-jitsu per te - It's not how good your jiu-jitsu is but how good jiu-jitsu is for you






Discorso motivazionale di Caio Terra: "Mi piace davvero raccontare questa storia alle persone perché penso che li stimoli a continuare nel loro allenamento.

Quando ho iniziato nel jiu-jitsu ero un adolescente, ero un po' vecchio per iniziare a competere con la nuova generazione di atleti, ma a scuola ero vittima di bullismo e mia madre si sentiva sempre male all'idea che sarei potuto tornarea casa ferito così mi iscirssi a jujitsu per imparare a difendermi.
Quando ho iniziato a fare il jiu-jitsu non mi piaceva allenarmi perché ogni giorno era come se venissi abusato di nuovo ogni giorno, andavo lì e venivo picchiato.

Non ero un bravo allievo perché non volevo essere lì. Mia madre mi disse: ti leviamo. Ci pensai su e dissi a a mia madre che non volevo andarmene volevo provare di nuovo.

Quando ho iniziato a volermi allenarmi, ho iniziato a migliorare perché quando vuoi qualcosa cerchi di migliorare e ho iniziato a migliorare sempre di più e ho iniziato a voler competere e il mio obiettivo in competizione era solo quello di picchiare le persone e questo era molto sbagliato. Non avrei potuto migliorare solo picchiando le persone. 

Ho questo messaggio perché so che molte persone abbandonano dopo la cintura blu.

Non è quanto è buono il tuo jiu-jitsu, ma quanto è buono il jiu-jitsu per te, e molte volte le persone non riescono a capirlo dal momento che sono così preoccupate di migliorare nel jiu-jitsu da non diventare le persone che dovrebbero essere e non si evolveranno mai come artisti marziali.

La più grande lezione di tutta la mia vita l'ho avuta dal mio istruttore. Quando ero una cintura marrone e fui in grado di vincere la Coppa del Mondo, che allora era il torneo più grande per me, non fui promosso.

Ero così arrabbiato perché pensavo che avrei potuto essere una cintura nera e che avrei potuto competere a quel livello. Passarono un paio di mesi e il mio jiu-jitsu non c'era più,  non volevo gareggiare,  non volevo allenarmi, e il mio istruttore mi disse:" okay, ora che non sei allenato perché non provi te stesso, vai in un categoria di peso più alta contro il campione del mondo e ti metti alla prova? "Non mi sto allenando perché dovrei farlo?" gli dissi. "Perché devi metterti alla prova, vai avanti e fallo" e così mi registrò e me la fece fare.

Il mio istruttore coinvolse tutti in questo torneo perché era molto fiducioso che avrei perso e voleva che tutti vedessero che potevo perdere anche io. Sul podio disse: "vedi...non ti alleni e non ti sai neanche più allacciare la cintura. Gli dissi: "La mia cinture è allacciata bene cosa c'è che non va con la mia cintura, scusa", e lui mi disse:" stai dritto ti farò io il nodo ma in palestra ti spiegherò come si fa" e così mi strinse la cintura, e poi mi disse:" ora puoi guardare di nuovo", quando guardai in giù vidi una cintura nera in vita ma io ero al secondo posto e non volevo davvero avere una cintura nera dopo aver perso, perché volevo tutto e quando alla fine persi fu il momento in cui venni promosso.

Gli chiesi:" perché mi hai promosso quando ho perso, ho avuto giorni felici e tu mia hai demotivato ad allenarmi, per poi promuovermi quando ho perso?"

E lui: "Caio non ti ho mai allenato per diventare un campione. Sei diventato un campione perché ti sei allenato. Ti ho allenato per cambiare la vita delle persone come il jiu-jitsu ha cambiato la tua. Ti ho promosso cintura nera perché il tuo jiu-jitsu ha aiutato così tante persone in palestra ed è tempo che anche tu possa cambiare le persone. Se ti avessi promosso in uno di quei giorni in cui eri vittorioso, avresti pensato che sei stato promosso perché sei un campione. Io volevo che tu vedessi che ti sto promuovendo perché è il momento per te di essere un insegnante. Se diventerai un campione un giorno, sarà magnifico, ma dovrai trasmettere il messaggio giusto agli altri."

All'inizio pensavo che il Jiu Jitsu servisse solo per difendersi, poi ho capito che il Jiu-Jitsu è molto di più. Non sono le medaglie, i tornei che puoi vincere, il jiu-jitsu non mi ha solo reso una persona migliore, ma un amico migliore, un padre migliore e so che il jiu-jitsu può fare lo stesso per te.



Caio Terra motivational speech:" I really like to tell this story to people because I think it kind of motivates them to keep their training.

when I first started in jiu-jitsu I was a teenager, I was kind of old to start for the new generation of competitors but I was getting bullied at school and my mother always felt bad that I would come home hurt and she put me in jujitsu to learn how to defend myself.

I started doing jujitsu and I really didn't like to train because every day was like I was being abused again, every day I would just go there and get it up.

I wasn't a good student because I didn't want to be there. My mother told me ..... I thought about it and I told my mother I don't want to leave I want to try it again.

When I first started wanting to training of course I started getting better because when you want something you look to improve and I started getting better and better and I started wanting to compete and my goal into competition was just to beat up people and this was very wrong. I couldn't just improve by beating people up.


 I have this message because I know that a lot of people quit through the blue belt.

  It's not how good your jiu-jitsu is but how good jiu-jitsu is for you, and a lot of the times people can't see that they get so worried about getting better in jujitsu that they don't become the person that it should be and they are not never gonna evolve as a martial artist.

The biggest lesson in my whole life was from my instructor. When I was a brown belt and I was able to  win the World Cup, which back then was the biggest tournament for me, I didn't get promoted, and I was so mad because I thought that I could be a black belt and I thought I could compete at that level and a couple months passed and my jiu-jitsu was just not there anymore, I didn't want to compete I didn't want to Train, and my instructor said: "okay that now that you're not training why not prove yourself, go one weight higher against the world champion and test yourself?". I said: "I'm not training why should I do that?" He said: "because you need to test yourself , go ahead and do it", so he registered myself and he made me do it.

My instructor brought everyone up into that tournament because he was very confident that I was going to lose and he wanted everyone to see that I could lose too. At the podium he says: " you see you don't train it so you can even tie your belt, and I said: "my belts tied correctly what is it wrong with my belt I'm sorry " so he said: "you have to posture up and I'm gonna do the knot but at the gym I'll explain to you how so he does the knot", and then he said: okay now you can look down again. When I looked down there was a black belt on my waist and I was in the second place and I really didn't want to get a black belt when I lost, because I want everything and when I finally lost it was when he promoted me.

I asked him:" why would you promote me when I lost, I had all these happy days and you dismotivated me to train, to then promote me when I lost?" And he said: "Caio I never trained you to be a champion. You were a champion because you dedicated yourself to it. I trained you to change people's life like  jiu-jitsu change yours. I am promoting you to black belt because your jiu-jitsu has helped so many people at the gym it's time for you to change people too and if I promoted you in one of these days that you won it would just think that you're getting promoted because you're a champion and I wanted you to see that I'm promoting you because it's time now for you to be a teacher. If you're going to be a champion one day great but you have to pass the right message to others.

At first I tought Jiu Jitsu was just about defending myself, then I realized Jiu-Jitsu it's so much more. It's not the medals, the tournaments you can win, jiu-jitsu has not just made me a better person, but a better friend, a better father and I know that jiu-jitsu can do the same for you.

0 commenti:

Posta un commento