martedì 1 ottobre 2013

1913-2013 Centenario della nascita del Gran Maestro Helio Gracie


"Helio mi ha dimostrato l'importanza della capacità di sopravvivenza e la natura difensiva del jiu-jitsu, inoltre ho appreso da lui una delle più grandi lezioni di sempre: non è sufficiente essere in grado di sconfiggere tutti i tuoi avversari. Essere in grado di dire ad ogni uomo: tu non non mi può sconfiggere! questo vuol dire esercitare un vero potere ". Saulo Ribeiro

Cento anni fa nasceva Helio Gracie uno dei padri fondatori del Jiu-itsu Brasiliano. Lo voglio ricordare con alcuni dei sue più interessanti pensieri sull'arte suave e non solo.
 
Perché temere la morte? Io non ho bisogno di niente, non ho niente, e non voglio niente. Penso sia stupido avere paura di morire. Uno dovrebbe aver paura di nascere. L'inferno, amici miei, è proprio qui in terra.

Tutti hanno paura. La differenza è che il codardo non sa controllare la sua paura, il coraggioso, invece, la supera.

In ogni aggressione, non importa quale o come sia fatta; c'è sempre un intervallo di tempo nel quale uno è più debole. Io attendo tutti in quello spazio.

Non sono in grado di realizzare la maggior parte delle tecniche, ma ho lottato duramente per trovare il modo di adattarle alle mie capacità. Tutta la mia vita sono stato molto determinato e ho preso come una sfida quella di trovare il modo di fare le mosse. Così ho cominciato a sperimentare con diverse leve e aggiustamenti ... ho iniziato a studiare i punti di leva sul corpo umano. Se si utilizza la leva è possibile moltiplicare l'effetto più volte, proprio come quando si usa un crick per sollevare un'auto. Non si può sollevare una macchina, ma quando si utilizza un crick si può facilmente sollevarla. Ho semplicemente adattato l'uso di un "crick" per ogni posizione del jiu-jitsu. E questo è quello che è diventato lo sport che abbiamo oggi. Ho reso questo sport accessibile al debole perché si potesse difendersi da una persona forte.

Quelli che hanno bisogno del mio Jiu-Jitsu sono i ragazzi magri, spaventati, imbranati, insicuri e indifesi. Non gli atleti.

Il jiu jitsu serve per proteggere le persone, gli anziani, il debole, il bambino, la donna e la giovane donna da essere dominato e ferita da qualche barbone perché non hanno gli attributi fisici per difendersi, attributi che anch'io non ho mai avuto.


Gli uomini nascono con diverse strutture, dimensioni e diverse capacità atletiche, il Jiu Jitsu ci rende tutti uguali.

L'efficienza di ogni istruttore deve essere misurata in conformità con i progressi dei suo allievi meno atletici, e non per i risultati dei più forti.

Il Jiu-Jitsu è come una filosofia, mi aiuta ad imparare come affrontare la vita. 

Imparare il jiu-jitsu è qualcosa per il subconscio, non per la coscienza.

 
Dai sempre per scontato che il tuo avversario sarà più grande, più forte e più veloce di voi, così impararerai a fare affidamento sulla tecnica, il tempismo e la leva piuttosto che sulla forza bruta. 

Il jiu-jitsu che ho creato è stato progettato per dare ai deboli la possibilità di affrontare quelli più pesanti e forti. E 'stato un tale successo che hanno deciso di creare una versione sportiva di esso. Vorrei chiarire che naturalmente sono a favore della pratica sportiva del Jiu-Jitsu, in base a regole e limiti di tempo, che avvantaggiano gli individui più pesanti, forti e più  atletici. L'obiettivo primario di jiu-jitsu è quello di rafforzare i deboli che, per non avere gli attributi fisici, sono spesso intimiditi. Il mio Jiu-Jitsu è un'arte di autodifesa in cui le regole e limiti di tempo sono inaccettabili. Queste sono le ragioni per le quali io non posso sostenere gli eventi che riflettono un anti Jiu-Jitsu.

0 commenti:

Posta un commento